Segnalato su alloggiareintoscana.com

Informazioni turistiche e\o itinerari suggeriti


Nel nome dei luoghi, spesso, è nascosta una storia... Prima della bonifica effettuata dai Medici nel XVI secolo, quando la Valdichiana era ancora invasa dalle acque della palude, "Peciano" era una piccola insenatura dove veniva praticata l'impeciatura delle barche. Successivamente, una volta avvenuta la bonifica, il settore agricolo è divenuto l'attività primaria; nonostante la variazione dell'indirizzo produttivo, "Peciano" è rimasto il nome con cui è contraddistinta questa piccola vallata.

Nel 1957, nel periodo in cui i contadini abbandonavano le campagne, Ferdinando Chiovoloni lasciò la mezzadria e acquistò il podere denominato Peciano. Da allora insieme alla famiglia, ha incrementato poco alla volta un'azienda sempre più moderna, ma basata sull'esperienza e sulla genuinità, perpetuando così i vecchi sapori della Valdichiana.

Il nome dei due appartamenti, "La Posta" e "L'Alloggio", risalgono all'epoca originaria di un pezzo dell'attuale edificio contenente i due locali.

Le storie tramandate a voce e le tracce arrivate fino a noi raccontano di una struttura risalente ad un'epoca molto remota, che fungeva da tappa di sosta per chi portava messaggi e documenti a cavallo.

La casa, che confinava con quella che al tempo era l'unica e quindi molto trafficata strada romana della zona (Cassia Vetus), veniva chiamata la "POSTA". La struttura era composta da un abbeveratoio per gli animali all'esterno, a piano terra da una stalla dove i viaggiatori lasciavano i cavalli stanchi e prendevano quelli freschi per proseguire il viaggio, ed al primo piano da un "ALLOGGIO" dove anche i "postini" avevano la possibilità di riposarsi.